Oltre i pregiudizi, la storia di Lisa Furlan

Il progetto Lisa Furlan, in arte tr4um4 vuole trasmettere quel senso di reclusione,di prigionia
ma allo stesso tempo cerca di portare contenuti affrontando il giudizio delle persone, oltre i problemi della società odierna e superando ogni tipo di schemo.

Ciao a tutti, sono Lisa, ho 20 anni (vado per i 21) e mi definisco fotomodella.
Su instagram nasco come tr4um4, nel 2019, dove il mio intento era essere diversa dalle altre ragazze, perché nonostante tutto lo ero, esporre me stessa, non nascondere il mio modo di essere, essendo cresciuta in un paesino in provincia di varese di 4000 abitanti dove le persone sono molto chiuse di mentalità.

Avevo raggiunto 12k, collaboravo con brand e venivo pagata per sponsorizzazioni: fin quando a dicembre 2020 instagram mi ha bannata a causa di troppe segnalazioni dovute a mio pareri personali su determinati argomenti che a quanto pare sembrassero urtare la sensibilità delle persone che mi seguivano, anche se per la maggior parte dei miei followers non avere peli sulla lingua era solo un pregio, perché ho sempre detto ciò che pensavo senza farmi problemi e senza fare la finta perbenista. A luglio 2020 ho dovuto iniziare una cura farmacologica per depressione ansiosa dovuta da una relazione tossica terminata a settembre 2020 che per tre mesi mi ha buttata talmente giù.

Ripartire da 0

Avevo cercato in tutti i modi di recuperare il mio profilo ma è stato impossibile per le troppe segnalazioni, quindi nasce tr4um4_2.0 il quale in poche settimane viene bannato per atti di autolesionismo perché non ero in un bel periodo nè con la vita nè con la mia famiglia, infatti venni buttata fuori di casa per questo, definita pazza per il mio egocentrismo che non reputavo autolesionismo.

Un sogno spezzato,la ricomposizione

Sin dal primo profilo, il mio sogno era posare, fare la fotomodella, essendo bassina e in quel dicembre 2020 feci il mio primo shooting con una fotografa, che non piacque per nulla causa del mio naso, quindi decisi di non scattare e di non posare fin quando non avrei raggiunto il mio obiettivo: rifarmi il naso. Poco dopo, mi son ripresa, ho ripreso in mano la mia vita e son tornata a vivere e a divertirmi, dove nacque tr4um4isdead usato particolarmente poco perché avevo più voglia di vivere che stare dietro ad un social.

Quel piccolo grande obbiettivo

A giugno 2020 sono riuscita a rifarmi il naso.
Quindi riniziai a scattare e a collaborare con brand, fin quando, a fine agosto 2021, purtroppo, per vari motivi, ho dato l’okay per farmi ricoverare in psichiatria, dove dopo 10 giorni imbottita di farmaci come un cavallo, dove documentavo tutto su instagram mi han fatta uscire ma con un sacco di farmaci da prendere. Poco dopo essere uscita, mi son ripresa, son tornata a divertirmi, a scattare ma, indovinate un po’? Ennesimo profilo bannato, quindi nasce il mio attuale, tr4um4isnotdead, dove ho ripreso a scattare o da sola o con fotografi, ma facendomi retribuire data la quantità dei miei followers. Sono stata dal 2020 al 2021 sotto l’agenzia di un mio amico, brutalcasting che purtroppo in un anno mi ha trovato solo un lavoro per un brand retribuito con uno degli accessori che avevamo usato per scattare. Poco più tardi si è interessata a me un’altra agenzia, vision street casting, in cui son dentro da poco e non mi hanno ancora trovato lavori, quindi la fonte principale del mio guadagno è onlyfans, che mi son fatta a dicembre 2020 ed ho fatturato un bel po’ e sto continuando sulla stessa strada. Principalmente non mi sono iscritta su onlyfans perché lo sentivo come mio posto, ma come passatempo e per mettermi via qualcosa, senza dover chiedere nulla ai miei, siccome ho finito scuola nel 2019 e non lavoro veramente. Onlyfans per me non è niente di significativo se non un social per guadagnare facilmente.

I pregiudizi, quelli che toccano il cuore

Riguardo ai pregiudizi, sin dalle elementari son sempre stata presa in giro fino all’inizio delle superiori ma dopo anni di lavoro su me stessa, non ho più problemi, riesco a fregarmene, l’unica opinione a cui do ascolto è la mia.
Come ho detto prima, prima di rifarmi il naso ho sempre avuto problemi ad espormi, a scattare, andavo in discoteca con gli occhiali da sole enorme per coprirmi il naso. Dopo essermi rifatta il naso e aver accettato completamente il mio corpo, sono rinata, il che non mi crea problemi a stare davanti ad una fotocamera, perché so che poi quello che vedró mi piacerà 100%.
La vera Lisa, vorrebbe trovare l’indipendenza, uscire di casa potendo mantenermi, ma per fare ció dovrei lavorare, ma il problema è che non sono fatta per fare un lavoro normale, voglio lavorare con la mia immagine, diventare qualcuno, influenzare le altre persone e spero che qualcuno mi veda e si interessi a me al più presto.
Il passato ha inciso molto sulla mia vita, in quell’anno e mezzo di relazione tossica ho perso un sacco di opportunità, un sacco di cose da fare, ho perso un anno e mezzo della mia vita e mi odio per questo, per essere stata fragile e non aver riuscito a troncare una cosa che mi faceva male quando potevo spaccare il mondo e farmi vedere.